IL PROGETTO

IL SISMA   |   GLI ATTORI DEL PROGETTO   |   IL TERRITORIO PICENO E FERMANO   |   CALENDARIO

La Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo con l’organizzazione del progetto Sapori e Tradizione intende creare una vera e propria rete tra i ristoratori ed esercenti operanti a livello Regionale e Nazionale con tutti i produttori enogastronomici delle zone fortemente colpite dal sisma del 24 Agosto scorso.

Il progetto Sapori e Tradizione intende rilanciare al più presto le imprese  che gradualmente e a prezzo di tanti ostacoli e sacrifici stanno rialzandosi dal triste evento, al fine di cogliere nella sventura un’occasione per il rilancio territoriale ad ampio spettro.

Il progetto Sapori e tradizione sarà un’occasione unica ed apprezzabile di rinascita, volta al riconoscimento e alla valorizzazione delle eccellenze territoriali in termini di esperienza, capacità professionale, umana e di servizio, valori incarnati dal lavoro artigiano, con il suo carico di impegno e ingegno, originalità e tenacia, quale attività esclusiva ed inimitabile.

L’idea fondante del progetto Sapori e Tradizione

Il Progetto Sapori e Tradizione intende creare un collegamento forte e duraturo tra i produttori enogastronomici delle zone terremotate e gli esercenti del comparto ristorazione della regione Marche in un primo step e Nazionali nello step successivo, attraverso la predisposizione di cene che verranno allestite esclusivamente con i prodotti provenienti dalle medesime aziende. 

Il progetto Sapori e Tradizione ha come pilastro la produzione enogastronomica d’eccellenza che rappresenta una delle grandi aree produttive attraverso cui il nostro territorio, tristemente ferito dal sisma, caratterizza il Made in Italy ed il grande interesse per le Marche. L’iniziativa ha l’obiettivo di utilizzare questa peculiarità, per promuovere la qualità dei prodotti e dei produttori delle aree colpite dal sisma, attraverso la creazione di un canale sinergico con tutti gli esercenti che prenderanno parte all’iniziativa, nel segno della solidarietà e della incontrastata voglia di rimettersi in piedi e continuare a valorizzare un territorio che non può essere lasciato al suo destino, ma anzi presidiato e rafforzato.

Modalità di svolgimento del progetto

Saranno avviate una serie di cene solidali, a partire dal mese di luglio 2017, nelle località più suggestive della Regione Marche in un primo step, in un clima di profonda solidarietà volto alla riscoperta dei nostri territori feriti attraverso la tradizione culinaria che li caratterizza. I commensali potranno gustare prodotti unici e frutto di tradizioni tramandate di padre in figlio che racchiudono l’essenza di un territorio unico, rendendosi partecipi di un processo che rappresenta un passo indispensabile nel dare seguito a un processo di aiuti concreti già avviato in passato.

Oltre al sostegno in qualità di fornitori, le imprese aderenti beneficeranno di un fondo creato dalla Confartigianato e volto al sostegno di quelle realtà imprenditoriali colpite dal sisma del 2016/inizi 2017. L’obiettivo fondante è quello di dare nuova linfa al territorio, rimettendo subito in moto quello che rappresenta uno dei tessuti produttivi più efficienti a livello regionale, imprimendo una nuova spinta alle diverse attività imprenditoriali produttrici di eccellenze enogastronomiche riconosciute a livello internazionale, generando una conseguente ripresa dell’intera filiera produttiva a monte ed a valle.

È un passo importante e obbligato per evitare l’abbandono e la conseguente migrazione e ricollocamento della stragrande maggioranza della popolazione ivi operante in altre aree territoriali perdendo conseguentemente tradizioni e posti di lavoro.